HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 6/2010 novembre

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
6/2010 novembre | pagina 32

Conviene trasferire il pilastro 3a?
«Posso trasferire i capitali di terzo pilastro nella cassa pensione?»

Sì, sempre che nella sua cassa pensione sia possibile l'acquisto di anni di contribuzione. Valuti però vantaggi e svantaggi.

- Con l'acquisto si garantisce una rendita superiore. Un'alternativa sarebbe quella di prelevare il capitale di pilastro 3a al momento del pensionamento e investirlo per acquistare una rendita vitalizia. Questa, però, non è interessante quanto quella di cassa pensione.

- Se al momento del pensionamento dovesse prelevare il capitale di cassa pensione, con l'acquisto di anni di contribuzione si troverebbe svantaggiato. Pagherebbe infatti una tassa più onerosa.

I soldi del pilastro 3a possono invece essere distribuiti su diversi conti, che dopo i 60 anni si possono estinguere in modo scaglionato, risparmiando sulle imposte.

- Con il pilastro 3a può stabilire da sé la strategia d'investimento.

- I versamenti di capitali 3a nella cassa pensione non sono deducibili dalle imposte. Il prelievo non è però tassato.

- Per il trasferimento, Vz Vermögenszentrum consiglia di aspettare fino ai 60 anni. Se la cassa pensione permette l'acquisto di anni di contribuzione, può prelevare il pilastro 3a e versarlo.

Ne potrebbe risultare un buon risparmio fiscale, perché la tassa sui prelievi di capitale è inferiore al risparmio fiscale dato dall'acquisto di anni di contribuzione.


Treno in ritardo: ho diritto al risarcimento?

«Il mio treno era in ritardo e ho perso una coincidenza. Ho diritto a un risarcimento?»

Chi perde una coincidenza a causa di un ritardo può rinunciare alla continuazione del viaggio e chiedere la restituzione dei soldi per la tratta non percorsa*.

Oppure può proseguire il viaggio su un altro treno, se necessario passando per una via alternativa, o tornare gratuitamente alla stazione di partenza e chiedere il rimborso del costo dei biglietti.

Se un Intercity o un Interregionale hanno un ritardo superiore a un'ora, i viaggiatori ricevono il Rail Check Sorry per un valore di fr. 10.- per la seconda classe e fr. 15.- per la prima**.

Se si perde l'ultima coincidenza, le Ffs si assumono i costi dell'hotel o del taxi fino a un massimo di fr. 150.-. Se si salta un appuntamento importante e non rinviabile, le Ffs pagano fr. 40.-.

Per quanto riguarda il traffico transfrontaliero, se vi è un ritardo superiore a un'ora, è previsto un risarcimento del 25% del prezzo della trasferta semplice.

*Il risarcimento va chiesto allo sportello Ffs o al Servizio clienti Ffs, casella postale, 3000 Berna 65, Tel 0800 401 401, dal lunedì al venerdì (8-17). Oppure alle altre società ferroviarie responsabili di parte della tratta: l'elenco è sul sito www.is.gd/aYisS.
**www.is.gd/aYjfg


Vado all'estero:posso subaffittare l'appartamento?

«Andrò all'estero per sei mesi. Vorrei subaffittare il mio appartamento, ma il proprietario è contrario. Serve il suo accordo?»

In linea di principio sì. Ma nel suo caso, con un subaffitto temporaneo e di breve durata, il proprietario non può opporsi.

La miglior cosa da fare è informarlo per lettera raccomandata e richiedere il suo accordo scritto. Se non risponde alla sua richiesta, lei può considerare accolta la sublocazione.

Il proprietario può vietare il subaffitto solo per motivi specifici, ad esempio se l'inquilino si rifiuta di comunicargli le condizioni del subaffitto e pretende un affitto esagerato. Oppure se la sublocazione comporta svantaggi per il proprietario, ad esempio l'uso dell'appartamento come ufficio e con molti visitatori o la sua sovraoccupazione.



Impressum Design by VirtusWeb