HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 6/2010 dicembre

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
6/2010 dicembre | pagina 6

La Terra si sta esaurendo: ma non ce ne sono altre
È necessario adottare un comportamento decisamente più rispettoso dell’ambiente per avere la garanzia di un futuro sostenibile

Le abitudini quotidiane incidono sull’ambiente. Con un po’ di consapevolezza possiamo fare qualcosa per non appesantire il bilancio ecologico.
(vedi tabella versione cartacea)

Se tutta la popolazione mondiale vivesse come fanno gli europei, sarebbero necessarie tre Terre.

Le risorse e i mezzi necessari a smaltire i beni consumati e i loro scarti sono infatti enormi. A ciò contribuiscono le abitudini di tutti noi, che hanno un impatto più o meno marcato sull’ambiente.

La rivista Bon à savoir e la Radio della Svizzera romanda hanno calcolato quanto incidono sull’ambiente le attività quotidiane di uno svizzero.

L’istituto Quantis di Losanna, specializzato in bilanci ecologici, ha quindi valutato ogni singola attività, comparando due diversi consumatori: il parsimonioso e il dispendioso. Ha poi assegnato un punteggio a ciascuno (il più alto va al meno rispettoso dell’ambiente).

Il punteggio dipende dal tipo di attività. Infatti, non acquistiamo fiori tutti i giorni, come non prendiamo tutti i giorni l’auto per recarci a Ginevra.

Standard di vita alto, il pianeta ne risente
In base all’inchiesta, la giornata di uno svizzero attento all’ecologia vale 1’541 punti, mentre quella di uno sprecone 4’000.

La media europea si situa all’incirca di 1’000 punti al di sotto di quella svizzera. Questo perché, in confronto, lo standard di vita da noi è elevato. Alla lunga, ciò rappresenta un sovraffaticamento per il nostro pianeta. Per garantirci un futuro sostenibile, non dovremmo superare i 400 punti. Con il livello attuale della tecnologia, ciò presupporrebbe abitudini di vita decisamente più modeste.

In generale, se ci si organizza bene, si potrebbero risparmiare molti punti. Giocano un ruolo importante la scelta del luogo di residenza, un edificio costruito tenendo conto del risparmio energetico, la scelta dell’automobile e la vicinanza ai centri commerciali.

Yves-Alain Cornu, Saldo
Iris Rutari Coen

Impressum Design by VirtusWeb