HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 2/2019 aprile

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
2/2019 aprile | pagina 29

Quel prurito sconosciuto
Il lichen sclerosus è spesso confuso con un eczema. Ma la diagnosi precoce è fondamentale

Il lichen scleroatrofico è una malattia che colpisce le zone intime soprattutto in menopausa. Ma molti medici la diagnosticano troppo tardi.

Il lichen sclerosus o scleroatrofico è una malattia autoimmune non contagiosa, che si presenta prevalentemente nella zona genitale. La pelle s'infiamma e con il tempo le labbra e il clitoride si assottigliano, l'apertura vaginale e l'orifizio uretrale si restringono.

Questa malattia si presenta maggiormente nelle donne in menopausa, ma possono esserne colpiti anche donne giovani, uomini e bambini. La causa non è ancora stata chiarita.

Cinque anni per sapere cos'è
«Molti medici hanno nozioni insufficienti o addirittura non conoscono questa malattia», afferma Bettina Fischer dell'organizzazione di pazienti lichen sclerosus*. Un'inchiesta svolta dalla dermatologa Gudula Kirtschig di Frauenfeld (Turgovia) dimostra che dai primi disturbi alla diagnosi trascorrono mediamente cinque anni.

«Inizialmente molti dottori confondono la malattia con un eczema», sostiene il medico di Gesundheitstipp Thomas Walser. Questo è dovuto alla loro formazione: «Sono pochi i medici di famiglia che da assistenti hanno dovuto curare malattie cutanee».

Per il ginecologo Andreas Günthert di Lucerna, la differenza è chiara: «Gli eczemi si formano in genere sulle labbra, mentre il lichen scleroatrofico di solito è visibile più internamente».

Anche i dermatologi si trovano però in difficoltà con la diagnosi di lichen scleroatrofico. I sintomi possono essere molto simili a quelli di un'infezione micologica.

Pomate al cortisone contro il dolore
Il lichen scleroatrofico può portare a un'atrofizzazione totale dei genitali; è quindi importante una diagnosi precoce. Si può intervenire farmacologicamente per contrastare il dolore, ma la malattia non è curabile.

«La soluzione migliore è trattare le zone colpite con pomate al cortisone, ogni giorno per tre mesi», dice Fischer.

Negli uomini la malattia è identificabile più facilmente. Spesso si restringe il prepuzio e si prova dolore durante l'erezione. In questo caso è utile la circoncisione. La situazione si complica se è colpita l'uretra. Si rischiano più interventi chirurgici per allargarne ogni volta l'uscita.

Per la Società svizzera di dermatologia, un terzo dei pazienti non presenterebbe sintomi. Sarebbe questo il motivo per cui la malattia non è riconosciuta o è diagnosticata tardi.


Consigli

- Non usate salviettine umidificate né carta igienica riciclata.

- Lavate le parti intime solo con acqua.

- Indossate slip in cotone o seta.

- Se avete spesso infezioni micologiche e cistiti e il rapporto sessuale vi causa lesioni vaginali, parlate di lichen scleroatrofico al vostro dottore.

- Se i disturbi perdurano, chiedete un secondo parere medico.

Katharina Baumann, Saldo
Michela Salvi, Scelgo io

*lichensclerosus.ch
lichensclerosus.ch

Impressum Design by VirtusWeb