HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 2/2019 aprile

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
2/2019 aprile | pagina 16

Penne promosse con riserva
Quasi tutte le roller sono di buona qualità. Ma alcune scrivono meno bene e si rompono

Non tutte le penne roller forniscono le stesse prestazioni, ma con meno di 4 franchi si può già avere un buon prodotto. Lo dimostra un test su dodici modelli.

Le penne roller sono una via di mezzo tra le stilografiche e le penne a sfera (biro). Combinano il vantaggio del flusso scorrevole dell’inchiostro delle prime con la praticità della biglia delle seconde. Questo dovrebbe agevolare anche la scrittura dei mancini.

In commercio ne esistono di due tipi: con cartucce d’inchiostro e con mina simile a quella delle penne biro.

La rivista per consumatori Saldo ha fatto analizzare in laboratorio dodici penne, sei del primo tipo e sei del secondo, tra i modelli più venduti nei negozi specializzati e al dettaglio (vedi tabella). Le penne sottoposte al test sono tutte ricaricabili e costano tra fr. 2.45 e fr. 12.40.

Fun di Stabilo è pratica e ha una bella scrittura
Gli esperti hanno valutato l’aspetto della scrittura, la scorrevolezza e maneggevolezza, l’essiccazione, la resistenza alla luce e la robustezza delle penne (vedi “I criteri del test”).

In generale, le penne con cartuccia d’inchiostro hanno fornito risultati leggermente migliori di quelle con mina.

L’unica ad aver ottenuto un giudizio globale molto buono è stata Fun di Stabilo: una penna ergonomica, di facile apertura e chiusura e di cui è facile sostituire le cartucce. Fornisce inoltre un buon risultato per quanto riguarda l’aspetto della scrittura. Anche Base Ball di Schneider e Twist di Pelikan scrivono bene. Tutte e tre queste penne scorrono facilmente sulla carta e il loro inchiostro fluisce in modo molto regolare.

Nel modello Schneider, il cambio cartuccia è però abbastanza macchinoso, mentre quello di Pelikan è stato definito «tozzo e spigoloso».

Scrivere con le penne Online, Parker e Papeteria di Migros è meno gradevole: il rilascio dell’inchiostro è irregolare e la punta gratta sulla carta. Il produttore Online ha dichiarato che la linea College è stata migliorata e che i modelli attuali scrivono in modo morbido e fluente.

Molti inchiostri sbiadiscono al sole
Per quanto concerne la robustezza, il laboratorio ha criticato le cartucce con punta roller integrata, perché si rompono facilmente se la penna cade a terra senza cappuccio. E bisogna quindi cambiare la cartuccia anche se è ancora piena.

Dopo il test di caduta si è rotta anche la punta a sfera del modello Online.

La penna con mina di Uni-Ball è buona ed economica: è resistente e non secca anche se lasciata senza cappuccio. Inoltre, l’inchiostro esposto ai raggi Uv non sbiadisce quasi per nulla, al contrario dei modelli Schneider, Pilot e Bic.

Secondo Plumor-Novimex, distributore svizzero della marca Pilot, l’inchiostro del modello Frixion Ball è cancellabile, e reagisce al caldo ma anche ai raggi ultravioletti. Motivo per cui, esposto alla luce, sbiadisce più velocemente di altri.

Stessa argomentazione per Bic, che produce Gelocity Illusion, una penna roller cancellabile con tecnologia termosensitiva: è normale che questo tipo d’inchiostro sbiadisca sotto i raggi Uv.

In questo criterio, la peggiore è stata la penna del marchio Migros Papeteria: dopo sole dodici ore di esposizione alla luce, il testo era già quasi illeggibile.


I criteri del test

- Aspetto scrittura
Cinque persone hanno scritto un testo identico con ogni penna roller, valutando l’aspetto della scrittura.

- Scorrevolezza
Cinque esaminatori hanno valutato la maneggevolezza delle penne: sono comode da tenere in mano? La presa è gradevole? Quanta pressione è necessaria per una scrittura dall’aspetto nitido? Come scorrono?

- Essiccazione
Le penne seccano dopo un lungo periodo di inutilizzo? Sono state lasciate senza cappuccio a temperatura ambiente e umidità relativa del 45%. Dopo 3 e 24 ore, è stata misurata la lunghezza necessaria a raggiungere una bella linea dall’aspetto omogeneo.

- Facilità d’uso
Il cappuccio è pratico? Mine e cartucce sono facilmente sostituibili?

- Resistenza alla luce
I testi scritti con le penne sono stati lasciati asciugare per un giorno, poi irradiati per 12 ore con una lampada a raggi Uv che simula la luce solare. Il colore dell’inchiostro si modifica?

- Robustezza
Le penne sono state fatte cadere 16 volte da un metro d’altezza. Sono stati poi verificati i punti di rottura e l’aspetto della scrittura.


Buono a sapersi

Così cancelli gli errori

Chi sbaglia spesso può utilizzare le penne cancellabili. Ecco come funzionano.

- Penne roller con cartuccia d’inchiostro
L’inchiostro Royal blue può essere rimosso con il cancellino, che non lo elimina ma lo rende invisibile chimicamente. La correzione può essere sovrascritta con un pennarello o una penna a sfera.

- Penne roller con mina
Molte di queste penne sono cancellabili. Usano un inchiostro termoreattivo che si può eliminare strofinando la speciale punta in materiale sintetico posta all’estremità della penna. Passandola sul punto da correggere, si sviluppa calore che rende invisibile l’inchiostro. Lo stesso punto può essere sovrascritto illimitatamente.

Julia Wyss, Saldo
Gabriella Vassalli, Spendere Meglio

Impressum Design by VirtusWeb