HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 2/2019 aprile

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
2/2019 aprile | pagina 28

Demenza: la cassa malati deve pagare tutte le cure
Una donna accudisce in casa il marito affetto da demenza. Le dà una mano Spitex con una prestazione di 120 ore mensili. Sulla base del rapporto di un medico di fiducia, la cassa malati Avenir decide, dopo circa tre anni, di pagare ancora solo 80 ore.

La donna si oppone alla decisione fin davanti al Tribunale federale, ottenendo ragione. Per i giudici, la cassa malati deve rimborsare la totalità dei costi.

Tribunale federale, sentenza 9C_912/2017 del 6 dicembre 2018.


Chi acquista un coltello automatico viola la Legge sulle armi

Un bernese ordina da un negozio online estero il coltello automatico Kershaw Brawler. Ma la Legge sulle armi vieta i coltelli che permettono l’apertura della lama con una sola mano.

Il Tribunale regionale dell’Oberland lo condanna quindi a una pena pecuniaria di otto aliquote giornaliere da fr. 100.- con la condizionale e a una multa di fr. 200.-. Il Tribunale federale conferma la sentenza.

Tribunale federale, sentenza 6B_660/2018 del 18 gennaio 2019.


Gl inquilini sono poco chiari: la disdetta non è abusiva

Un proprietario comunica agli inquilini che lo stabile sarà ristrutturato. Una coppia di coniugi gli scrive che è disposta a lasciare temporaneamente l’appartamento, ma lui dà lo stesso la disdetta.

Gli inquilini si oppongono, ma tutte le istanze respingono la loro azione. Non avrebbero dichiarato seriamente l’intenzione di traslocare. La disdetta non sarebbe pertanto abusiva.

Tribunale federale, sentenza 4H_437/2018 del 5 febbraio 2019.


Divorzio: l’ex marito deve pagare una cauzione per le spese ripetibili

In un processo civile, in alcuni casi le parti convenute possono pretendere che prima del processo l’attore versi una cauzione per eventuali spese ripetibili.

Da questa regola sono escluse le procedure di divorzio. L’eccezione non è però applicabile a procedure successive per modifiche della sentenza di divorzio. Il Tribunale cantonale di Lucerna ha perciò dato ragione a una donna che chiedeva una cauzione all’ex marito nell’ambito di una procedura di modifica.

Tribunale cantonale di Lucerna, decisione 3C 18 16 del 28 novembre 2018.

Rubrica: Nuove sentenze

Impressum Design by VirtusWeb