HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 3/2019 giugno

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
3/2019 giugno | pagina 30

Dentista caro: cosa faccio?
«Sono stato in cura da un dentista. Mi ha inviato una fattura elevatissima con la quale non sono per niente d'accordo. Posso difendermi?».

Sì. Innanzitutto cerchi il dialogo con il dentista e si faccia spiegare la fattura.

Se è affiliato alla Società svizzera odontoiatri (Sso), deve attenersi alla tariffa vigente. Ha comunque un determinato margine di manovra.

Se non riesce ad accordarsi con il suo dentista, può rivolgersi alla commissione arbitrale del suo cantone*.

*tiny.cc/sso-commissioni



Cartella clinica: devo firmare la dichiarazione?

«Ho cambiato medico e chiesto l'originale della mia cartella clinica a quello precedente. Prima di trasmettermela, pretende che lo liberi per iscritto da qualsiasi responsabilità per eventuali errori in una delle sue cure. Lo può fare?».

No. Non c'è alcun motivo per cui lei debba sottoscrivere una simile dichiarazione.

Le conseguenze di una cura possono diventare evidenti anche solo dopo molto tempo, perciò una rinuncia alle pretese di responsabilità del medico sarebbe per lei rischiosa.

Lei ha il diritto di richiedere gli atti originali. Il suo medico può sempre allestire delle copie per potersi difendere da eventuali future accuse.



Mi sostituiscono l'apparecchio difettoso?

«Lo sfigmomanometro che ho acquistato di recente non funziona più. Il negozio lo vuole riparare e non sostituire. Devo accettarlo?».

No, a meno che all'acquisto non abbiate concordato che in garanzia il venditore farà riparare l'apparecchio.

In caso contrario, lei lo può restituire, chiederne un altro nuovo perfettamente funzionante o farsi rimborsare il prezzo d'acquisto.



Il mio dottore può rifiutarmi come paziente?

«Non vado più d'accordo con il mio medico di famiglia. Può rifiutarsi di avermi come paziente?».

Sì. La libertà contrattuale vale anche per il medico, che è libero di decidere quali pazienti curare e quali no.

Inoltre, può concludere in qualsiasi momento un contratto di trattamento stipulato. Lo stesso vale per il paziente.

Un medico è obbligato a prestare le cure solo nei casi d'urgenza.



Posso restituire le pillole non usate?

«Ho acquistato delle pastiglie in farmacia, ma poi non le ho prese. Ho riportato la confezione ancora chiusa al farmacista, che però non l'ha ripresa. Mi ha detto che non può vendere un farmaco già venduto. Devo accettarlo?».

Sì. Un contratto d'acquisto è vincolante. Se il prodotto è in ordine, l'acquirente non ha diritto alla restituzione.



Lavoro part-time: sono coperto se mi infortuno?

«Lavoro a tempo parziale per sei-dieci ore settimanali. Sono assicurata dall'azienda anche per gli infortuni nel tempo libero?».

È assicurata obbligatoriamente per gli infortuni nel tempo libero solo se lavora mediamente almeno otto ore alla settimana, oppure il numero delle settimane di lavoro da almeno otto ore è superiore a quello delle settimane con meno di otto ore lavorative.

Se dovesse infortunarsi, l'assicurazione verificherebbe quanto ha lavorato negli ultimi tre o dodici mesi prima dell'infortunio. Determinante per la copertura sarebbe il periodo per lei più vantaggioso.
tiny.cc/sso-commissioni

Impressum Design by VirtusWeb