HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 6/2009 novembre

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
6/2009 novembre | pagina 24

«Mamma, portami in braccio!»
Sostanze velenose e qualità scadente nei passeggini per bambini piccoli. I migliori modelli risultano solo soddisfacenti in un test.

Un passeggino di marca può facilmente costare più di mille franchi. Ed è quindi inammissibile che nessuno raggiunga un giudizio globale buono.

La fondazione tedesca Stiftung Warentest ha fatto esaminare i passeggini adatti a neonati e bebè, valutandoli secondo questi criteri: conformazione adatta ai bebè, maneggevolezza, sicurezza e solidità, nonché sostanze pericolose.

Conclusione del test: nessuno è risultato buono e privo di sostanze velenose.

Due passeggini ottengono un giudizio globale soddisfacente:

- Bugaboo Cameleon (fr. 1'519.-)
- Teutonia Mistral S (fr. 995.-).

Il modello Bogaboo è molto leggero e si può piegare in dimensioni ridotte. Però, come Teutonia, ha uno svantaggio: se si libera il freno manuale, può scattare all'indietro colpendo la mano.

Il passeggino con meno sostanze pericolose è:
- Tartan Topline S (fr. 1'128.-).

Ciononostante, il giudizio globale per questo passeggino è stato solo sufficiente, soprattutto perché il sacco bebè è molto piccolo e stretto.

Dieci passeggini hanno ottenuto un giudizio globale carente: contengono formaldeide e ammorbidenti, che sono sostanze velenose. Alcune sono considerate cancerogene e pericolose per le facoltà riproduttive.

Consiglio: prima di usare le fodere, lavate tutte quelle che si possono togliere. Ciò può ridurre il tasso delle sostanze pericolose.

Impressum Design by VirtusWeb