HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 6/2012 dicembre

Nome: Scelgo io
Nato il:
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
6/2012 dicembre | pagina 16

E il calcare se ne va via!
I peggiori detersivi per pulire il wc sono i più cari. Molti sono di qualità solo sufficiente. Tra questi, tre ecologici

Il miglior detergente per wc elimina molto bene il calcare. I prodotti ecologici sono solo sufficienti. Lo rivela un test di laboratorio.

Flacone con collo un po' incurvato… sì, è un prodotto per pulire il gabinetto. La rivista per i consumatori K-Tipp ha mandato in laboratorio 12 di questi detergenti per wc, tra cui 4 ecologici. Il laboratorio ne ha misurato capacità decalcificante e resa.

Il primo in classifica, nonché unico con giudizio molto buono, è Coop Super Clean di Qualité & Prix. Ha sciolto tre volte più calcare del peggiore, Anitra Wc, e ha dato buoni risultati anche per quanto concerne la resa.

Per pulizie economiche ed efficaci va bene il secondo classificato, che ha ottenuto un giudizio globale buono: Wc-Fix, di Aldi.
Decalcifica bene e rende anche molto. Con un prezzo di 65 centesimi per mezzo litro, è il più economico di quelli testati, assieme a quello di Lidl.

Il gel della marca Cif ha ottenuto un giudizio insufficiente. Il liquido extra denso pubblicizzato sul flacone non ha un influsso positivo sulla capacità decalcificante. «Il detergente toglie efficacemente calcare e sporcizia, come dimostrano i risultati di studi interni», si difende Sina Klemm di Unilever, l'azienda che lo produce. Inoltre, preverrebbe la formazione di nuovo calcare.

Anche Anitra Wc originale, riconoscibile dal collo a doppia piegatura, non supera il test. «Il prodotto contiene acido lattico, una sostanza decalcificante efficace e sicura per l'ambiente», afferma Alexander Berg della ditta produttrice Sc Johnson, che consiglia da due a quattro applicazioni alla settimana.

La forza del limone unita all'acido formico
Splendid Nature di Spar dimostra che anche un detergente "naturale" può pulire bene. Accanto alla forza decalcificante naturale del limone pubblicizzata sulla confezione, qui opera anche il più potente acido formico. Questo è, come l'acido citrico, biodegradabile, ma a contatto con la pelle, o respirandolo, può causare danni alla salute.

I tre detergenti ecologici rimanenti, Migros Plus, Oecoplan e Held Eco, tutti con i principi attivi acido citrico o acetico, hanno avuto molte difficoltà faccia a faccia con il calcare.

Coop vuole rielaborare la ricetta di Oecoplan, dato che il prodotto non risponderebbe più alle pretese di mercato, come dice il portavoce Urs Meier.

Nella prova di decalcificazione, Held Eco ha ottenuto mezzo punto in meno di Oecoplan. «Con un uso regolare, il detergente può prevenire la formazione di calcare e l'accumulo di residui di urina», sostiene Ermin Causevic di Held. Sarebbe inoltre un prodotto per l'uso quotidiano. La domanda che si pone è se davvero si vuole pulire il gabinetto tutti i giorni. A ciò si aggiunge che questo prodotto, il più caro di quelli sottoposti al test, costa fr. 3.53 per mezzo litro e ha pure rivelato una bassa resa.

Un facile contributo all'ecologia è dato dalle confezioni di ricarica, che riducono i rifiuti domestici e, in genere, sono anche un po' meno costose del flacone originale. La maggior parte dei detergenti per il gabinetto irrita la pelle. Perciò, il travaso dalla confezione di ricarica al flacone dev'essere svolto con attenzione. Le ricariche esistono inoltre solo per il detergente Migros Oeco-Power e Anitra Wc.


I criteri del test

Il laboratorio ha valutato i 12 detergenti per wc in base ai seguenti criteri:

- Decalcificazione
Un pezzo di marmo secco è stato pesato e immerso per 60 secondi in ogni detergente non diluito. In un secondo passaggio, il marmo è invece stato immerso nel detergente diluito secondo le indicazioni dei produttori.

Gli esperti hanno poi sciacquato il marmo, lo hanno asciugato e pesato nuovamente. Più era grande la perdita di peso, migliore era la decalcificazione.

- Resa
Il laboratorio ha usato una piastrella adeguata per valutare quanto detergente serve per pulire una superficie di 800 cm2 (poco più di un foglio A4). Minore era la quantità di detergente necessaria, maggiore ne risultava la resa del prodotto.

- Forza aderente
Come rimane attaccato il detergente alla superficie della tazza? Per svolgere questa prova, gli esperti hanno misurato la percentuale di prodotto necessario per pulire che rimane effettivamente attaccata alla superficie. Più è alto questo valore, più efficace è il prodotto.


Consigli

Più l'acqua è dura, più spesso occorre pulire

- Se l'acqua è morbida, povera di calcare e si usa regolarmente la spazzola, nella tazza del gabinetto si formano pochissimi residui.

- Se invece è dura, in genere sono sufficienti i detergenti che contengono acidi organici, come quello formico, citrico o acetico. Importante: non tutti i materiali sopportano i prodotti acidi. Prudenza sulle superfici in marmo e le fughe delle piastrelle. Proteggete anche la vostra pelle.

- I detergenti per wc forti, ad esempio Cillit Bang e Harpic White & Shine, a prima vista assomigliano a quelli acidi, ma contengono sostanze alcaline, come la varechina. Invece di eliminare il calcare, lo sbiancano. Alcuni prodotti sono così aggressivi da poter pulire addirittura fughe sporche e tubature otturate.

- I detergenti alcalini sono fortemente corrosivi e non devono assolutamente essere usati assieme a un prodotto acido, altrimenti si può formare il velenoso gas cloro. Marcus Gast dell'Ufficio tedesco dell'ambiente di Dessau conferma: «I detergenti corrosivi non dovrebbero trovarsi in alcuna economia domestica. Rappresentano un grande pericolo per i bambini e le persone anziane».

Gertrud Rall, K-Tipp
Silvia Mossi

Impressum Design by VirtusWeb